Sai davvero come funziona la Reputazione Online?






Oggigiorno i sistemi reputazionali, come ad esempio quelli di Amazon e TripAdvisor, sono ampiamente diffusi per garantire il funzionamento dei servizi online. L’affidabilità della reputazione di un utente online dipende dallo sforzo congiunto (i.e., dai feedback) di coloro i quali hanno avuto interazioni con esso. 
Nonostante il risolvere un problema in maniera collettiva sia spesso una soluzione efficace, gli esseri umani in talune circostanze si rivelano “inaffidabili”.


Uno studio condotto dai ricercatori del Virtual Human Dynamics Laboratory (VirtHuLab) dell’Università degli Studi di Firenze e pubblicato nel 2020 dalla rivista internazionale “Human Behavior and Emerging Technologies”, è andato ad indagare come le persone diano il proprio feedback online. 
Ciò che i ricercatori hanno scoperto è che non solo il comportamento dell’utente conta nel definire la sua reputazione, come sarebbe stato lecito attendersi. Anche la sua reputazione pregressa, ossia la reputazione con la quale l’utente si mostra al momento dell’interazione, gioca un grande ruolo nell’influenzare i feedback che l’utente riceverà.


In maniera piuttosto sorprendente è anche stato osservato come in oltre il 60% delle volte in cui l’utente non si comporta in maniera concorde alla sua reputazione (come ad esempio un utente caratterizzato da una buona reputazione che danneggia il proprio interratore), questo ricevesse un feedback in linea con la sua reputazione. Questa dinamica determina una resistenza (ossia un’inerzia) al cambiamento da parte della reputazione di un utente, una volta che questa si è formata. La reputazione online perciò non è esatta traduzione del comportamento e questo pone dei limiti all’applicazione di tali sistemi.


Emerge dunque la necessità di trovare modalità alternative di attribuzione della reputazione online o di soluzioni per aggiornarla in modo da potenziarne l’attendibilità in un più ampio spettro di circostanze. 
Allo stato attuale restano vere le parole di Shakespeare: “non è oro tutto ciò che luccica”



Comments